Quattro centrifugati con frutti giapponesi che trovate anche in Italia

Piccola premessa: chi è stato in Giappone lo sa, la frutta costa parecchio, molto più di quanto siamo disposti a pagarla nei migliori negozi di frutta bio italiani. Un singolo grappolo d’uva, ad esempio, costa almeno 6 euro, una pesca costa 7-10 euro, una fragola circa 5 euro e un solo melone può costare anche più di 100 euro! Non a caso parliamo di frutti singoli: la frutta in Giappone viene infatti venduta “a pezzo” e non a peso, perché vengono messi sul mercato solo pezzi “perfetti” e sostanzialmente uguali tra loro.

La frutta è considerata un bene prezioso, viene anche regalata nelle occasioni speciali, disposta in bei cestini, bellissimi e mirabilmente confezionati, come in occasione dell’Ochugen e dell’Oseibo, i periodi dell’anno in cui si offrono dei regali alle persone che ti hanno aiutato o che ti hanno mostrato gentilezza, come il capo, i genitori o i parenti. 

La frutta giapponese non è sostanzialmente diversa da quella che siamo abituati a mangiare in Italia, a parte alcune eccezioni come il rambutan, il longan o il durian. In questo articolo, però, ci siamo ispirati al Giappone per quattro centrifugati, uno per ogni stagione, utilizzando frutti originari del Giappone che possiamo trovare facilmente anche nei nostri supermercati italiani. Per fortuna noi possiamo pagare la frutta molto di meno! Buon succo!

Centrifugato di primavera con le nespole del Giappone

ph. DeusXFlorida

150 g Nespole
1/2 Limone
1 Mela Fuji

Il nespolo del Giappone è una pianta da frutto appartenente alla famiglia delle Rosacee che  proviene dalla Cina, anche se è nel Paese del Sol Levante che avvenne la selezione di varietà diverse del frutto più grandi rispetto a quelle originarie della Cina. In Giappone il frutto si chiama biwa ed ha  proprietà benefiche: è un frutto antinfiammatorio, diuretico, ipocalorico e antiossidante. Per utilizzarle come base di un succo è opportuno prendere quelle ben mature e armarsi di un po’ di pazienza per togliere il nocciolo, però ne vale la pena: il succo è molto dolce e ricco di proprietà. Oltre a quelle elencate sono ricche di sali minerali e reintegrano i liquidi persi con il sudore, quindi sono ideali per chi si rimette in moto con l’attività fisica in vista dell’estate.

Centrifugato estivo con lamponi giapponesi

1 Carota
2 Mele
50 g More
50 g Lamponi giapponesi
50 g Mirtilli

Per l’estate un succo ricco di sostanze benefiche e antiossidanti: i frutti rossi, alla base di questo succo, sono ricchi di Vitamina C e aiutano il nostro corpo a proteggersi dai radicali liberi. I mirtilli, oltre all’elevato contenuto di flavonoidi, contengono antocianine, molecole preziose che aiutano la memoria e contrastano il declino delle capacità motorie.  Il lampone giapponese fa parte della famiglia delle more e dei lamponi, ha un rosso più carico rispetto ai nostri lamponi, il suo sapore è delizioso. La carota è fonte di betacarotene, precursore della vitamina A, utile per mantenere l’abbronzatura e proteggersi dai danni del sole.

Centrifugato autunnale con pere Nashi

ph. Kimubert

2 Pere Nashi
1 Cachi
50g Uva

La base di questo succo, molto dolce, sono le pere asiatiche o pere nashi. I benefici derivanti dal consumo di pere nashi dipendono soprattutto dal suo elevato contenuto di magnesio, minerale che può aiutare a combattere stanchezza e affaticamento. Inoltre si tratta di un alimento ricco di fibre e di micronutrienti che possono aiutare a proteggere la salute cardiovascolare e quella delle ossa (fonte istituto Humanitas). Anche i cachi (o Kaki come si dice proprio in Giappone) sono combattono l’affaticamento, fisico e mentale, inoltre, grazie al potassio, sono depurativi e diuretici. 

Centrifugato invernale con mele Fuji

1 Arancia
2 Mele Fuji
2 Carote
1/2 Limone

In inverno niente di meglio di un succo ricco di vitamina C (contenuta soprattutto nell’arancia e nel limone) per proteggerci dall’influenza e dai raffreddori. Ingrediente principe di questo succo sono poi le mele Fuji (chiamate come il vulcano tanto caro ai giapponesi). Questa particolare varietà, dalla forma tondeggiante e dal sapore dolce, è nata in Giappone, dall’incrocio di due diverse mele (Kokko e Red Delicious). Le mele Fuji sono una vera e propria miniera di sostanze antiossidanti, protettive contro i tumori e l’invecchiamento; sono ottime in caso di diete dimagranti, ritenzione idrica, cellulite. Pur essendo molto dolci, possono essere consumate anche dai diabetici grazie al loro scarso contenuto di zuccheri.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

buzzoole code